Clean Power

  • larvap.jpg
  • crisalide.jpg
  • p2.jpg
  • palma.jpg
  • caserta maggio 2011 008.jpg
  • neve dic 2010 170.jpg

Malattie Palme

Diverse malattie colpiscono le palme. Qui sotto elencate le più diffuse.


Lotta al Punteruolo

Grazie all'utilizzo di diverse strategia di lotta, garantiamo la riuscita dell'intervento.


Difesa Alberature

Con moderni sistemi di difesa fitosanitaria, siamo in grado di controllare le più diffuse malattie degli alberi delle nostre città.

Punteruolo rosso e Fusarium ! Le vere piaghe delle palme.
PDF Stampa E-mail

Come il punteruolo rosso, anche il Fusarium sembra avere libero acceso nell’attaccare le palme, specialmente il Phoenix Canariensis. La sua espansione provoca una tracheofusariosi, una malattia difficile da debellare. Questo è dovuto al fatto che il Fusarium, nutrendosi delle parti morte della pianta, riesce a vivere sia nelle foglie, sia nel tronco, ma anche all’interno del terreno in cui la palma è piantata.

 

 

 

 

Gli stessi sintomi sono complicati da notare, proprio perché diversi tra loro. Uno in comune, è il disseccamento delle foglie, ma siccome può capitare che una pianta abbia delle foglie gialle, non è semplice capire che è stata infettata. Per tanto difficile da identificare, ma visibilmente, si può notare anche l’imbrunimento degli steli floreali.

 

E’ indispensabile che alle prime avvisaglie d’infezione, sia un personale specializzato e qualificato a seguire un trattamento endoterapico per la lotta contro la tracheofusariosi, per lo meno per tenere sotto controllo l’espansione.

In caso di stadio avanzato, la pianta obbligatoriamente va eliminata, compreso i residui, che non possono essere impiegati in un’altra maniera. Gli stessi attrezzi di potatura utilizzati devono essere disinfettati, poiché anche una piccola rimanenza aumenta il rischio di contagio.

Come citato all’inizio, il Fusarium ha la capacità di sopravvivere anche nel terreno. Ed è logico, che in presenza di presunti focolai, non andrebbe rimpiantato un Phoenix Canariensis sano dove si è estirpato uno infetto.

 

La lotta contro il Fusarium è più complicata rispetto a quella del punteruolo rosso, per vari motivi:

-         è un fungo che si ambienta in qualunque parte della pianta;

-         non ha sintomi specifici;

-         ha un’evoluzione che va da pochi mesi fino a due anni.

Proprio per questi motivi che il trattamento endoterapico è l’unico metodo per contrastare e tenere a bada l’espansione del Fusarium.