Clean Power

  • p2.jpg
  • neve dic 2010 170.jpg
  • crisalide.jpg
  • larvap.jpg
  • palma.jpg
  • caserta maggio 2011 008.jpg

Malattie Palme

Diverse malattie colpiscono le palme. Qui sotto elencate le più diffuse.


Lotta al Punteruolo

Grazie all'utilizzo di diverse strategia di lotta, garantiamo la riuscita dell'intervento.


Difesa Alberature

Con moderni sistemi di difesa fitosanitaria, siamo in grado di controllare le più diffuse malattie degli alberi delle nostre città.

Non bastava il Punteruolo.Ora pure il Cinipide!
PDF Stampa E-mail

 

 

La lotta all'invasore sembra non avere fine.Ora ci voleva un parassita che mette a repentaglio i nostri castagneti.

Il cinipide del castagno è uno dei seri problemi che si stà affrontando in Italia nel settore dell’agricoltura. E’ una battaglia che si combatteda diversi anni, contro un ospite indesiderato che arriva da paesi dell’oriente. Si suppone che sia stato introdotto nel 2002, ma solo nel 2008 sono stati visibili le prime lesioni.

E’ della vespa cinese che stiamo parlando, detto Drycosmus turiphilus Yasamatsu.

E’ uno degli insetti più dannoso per il castagno.

Non è semplice debellarlo per la sua particolarità di infettare il castagno utilizzando il vento, infatti le femmine possono

essere trasportate fino a circa 15 km. dalla pianta contaminata.

Durante il convegno tenutosi a Valleranno (Viterbo), il 26 luglio, è emerso che l’utilizzo degli insetticidi sulla vespa cinesenon hanno avuto l’effetto desiderato, anzi praticamente nullo. Per questo motivo, si è studiata una soluzione alternativa, di tipo biologico.

Dopo varie ricerche, grazie anche all’Università della Tuscia, si è arrivati alla scoperta di un particolare fungo (Gnomoniopsis), il quale seccherebbe direttamente il nido della vespa cinese con tutte le uova deposte all’interno. Purtroppo, questa sperimentazione, da sola,non ha dato i risultati sperati e perciò si stà provando una combinazione, l’aiuto di un parassita, detto Torymus Sinensis.

Questa unione tra insetto e fungo, probabilmente anche l’utilizzo di insetti utili del territorio, permetterà una capillare guerra biologica alla vespa cinese.