Clean Power

  • crisalide.jpg
  • p2.jpg
  • neve dic 2010 170.jpg
  • palma.jpg
  • larvap.jpg
  • caserta maggio 2011 008.jpg

Malattie Palme

Diverse malattie colpiscono le palme. Qui sotto elencate le più diffuse.


Lotta al Punteruolo

Grazie all'utilizzo di diverse strategia di lotta, garantiamo la riuscita dell'intervento.


Difesa Alberature

Con moderni sistemi di difesa fitosanitaria, siamo in grado di controllare le più diffuse malattie degli alberi delle nostre città.

Difesa Palme
PDF Stampa E-mail

A seconda della gravità di attacco le piante colpite dal Punteruolo rosso  possono essere classificate in tre stadi:

1)      Le piante mostrano lievi sofferenze e talvolta è visibile anche delle rosure a carico delle foglie;

2)      le piante colpite manifestano una sofferenza  più pronunciata con conseguente collassamento verso il tronco di qualche foglia che continua a mantenere una colorazione verde;

3)      le piante collassano totalmente sparisce il colore verde e secca anche la parte centrale che precedentemente era rimasta verde.

La tempestività di intervento unita alla diagnosi precoce è la strategia vincente per la lotta al punteruolo rosso.

Oggi e possibile sconfiggere questo temibile insetto mediante l’applicazione di strategia di lotta a diversi livelli che combina:

-          la dendrochirurgia,

-          l’endoterapia,

-          trattamento localizzato con “sistema a doccia”

La dendrochirurgia consiste nel rimuovere, usando attrezzi da taglio affilati e sterilizzati, le parti della pianta invasi dal parassita fino a mettere a nudo il meristema apicale profondo verificandone l’integrità.Operazione molto delicata che se fatta con la massima professionalità riesce a dare degli ottimi risultati nella lotta al parassita!

 

L’endoterapia consiste nell’iniezione del fitosanitario all’interno della pianta. La traslocazione del prodotto iniettato avviene grazie al naturale flusso dell’acqua ascendente richiamato alla chioma dal fenomeno della traspirazione.Vero cardine indispensabile per l'eliminazione del punteruolopoichè riesce a colpire le larve essendo proprio loro la causa maggiore per il danneggiamento e la morte delle palme.L’aggiunta di un biostimolante agevola la traslocazione in tutte le parti della pianta e ne stimola la ripresa vegetativa.

Il trattamento localizzato con “sistema a doccia”. L’operazione si completa con un’abbondante irrorazione principalmente del “ cuore della palma”Per questo sistema è stata messa a punto una attrezzatura che ci permette di raggiungerei 10 mt di altezza evitando cosi l'uso di costose piattaforme ottimizzando quindi anche i costi di intervento.

 

Oltre all’utilizzo di prodotti fitosanitari autorizzati dal Ministero della Salute  oggi sono anche disponibili antagonisti naturali (nematodi entomoparassiti) che spruzzati sul cuore della palma raggiungono le larve del punteruolo le parassitizzano e le uccidono.

Tutte le fasi di intervento descritte sono eseguite da personale esperto e qualificato. La strategia di lotta e le attrezzatura utilizzate per l’endoterapia ed il trattamento a doccia sono state messe a punto grazie al lavoro di studio e sperimentazione eseguiti in questi anni specificamente per la lotta al punteruolo.

 

 

Abbattimento

ABBATTIMENTO

Le operazioni di abbattimento delle piante morte o compromesse per la presenza di R. ferrugineus devono avvenire secondo modalità atte a ridurre i rischi di diffusione del punteruolo.

In particolare:

1)      l’abbattimento deve essere effettuato in assenza di pioggia e di vento;

2)      le dimensioni del cantiere devono essere tali da permettere che le operazioni di abbattimento siano effettuate in sicurezza tenendo conto degli spazi occorrenti alle macchine operatrici e delle dimensioni della pianta da abbattere;

3)      deve essere predisposta la copertura dell’area sottostante la proiezione della pianta da abbattere con un telone di plastica dello spessore di almeno 0,20 millimetri;

4)      in caso di piante di notevoli dimensioni si procederà con il taglio a sezioni, avvalendosi anche di carro gru, asportando per prima le foglie e l’apice vegetativo, evitando la caduta libera a terra;

5)      se in occasione del taglio si rilevano cavità con presenza di larve o adulti le parti tagliate devono essere tempestivamente chiuse in buste di plastica;

6)      in caso di abbattimento di piante di ridotte dimensioni può essere previsto direttamente il taglio del tronco al di sotto del colletto della pianta con o senza la rimozione della ceppaia, tenuto conto che di solito il R. ferrugineus non attacca tale organo della pianta;

7)      raccolta e imbustamento di tutti i residui caduti sul telone di plastica a fine operazione di abbattimento della singola pianta.